South Africa

Karoo

Karoo

 

 

 

Sono sincera: oggi fatico a scrivere… non riesco a descrivere i panorami, i colori, le emozioni provate.
Sono arrivata la sera tardi, avvolta e accompagnata da un cielo stellato che sembrava l’avessero “acceso” sopra di me per indicarmi la strada. Mi sono fermata più volte lungo la strada, la scusa era quella di fotografare ma, in realtà, non riuscivo ad essere paga di tale spettacolo. Ho sempre tenuto il finestrino della macchina aperto, non potevo perdere un minuto di quella vista.
Sono giunta a Prince Albert, dove ho trovato (giuro, non so come… ho chiesto a un paio di persone incontrate ma qui sembra di essere arrivati in un paese deserto e dimenticato da Dio!) un ostello troppo carino… immerso nella natura, col tetto in paglia e con i proprietari coccolissimi… mi hanno offerto caffè e biscotti fatti in casa ma, soprattutto, mi hanno rapita con i loro racconti e aneddoti sui luoghi che avrei incontrato lungo il mio percorso.
La prima sera ho fatto molta fatica a trovare un posto in cui cenare perché tutto chiude alle 20.00… ed erano le 21.30; ma poi ho incontrato un signore gentilissimo, austriaco che, stanco della vita frenetica di casa, ha venduto tutto e ha aperto una sorta di pub proprio a Prince Albert. Ha aperto la cucina per me e mi ha preparato una fiorentina da 800 gr, delle costolette impanate, patate e birra: dall’idea di dormire con la pancia vuota al chiedere di non portarci altro cibo pena il rischio di scoppiare… il passaggio è stato decisamente rapido ma di certo molto gradito.

Nei giorni trascorsi in queste zone ho guidato per ore, fermandomi continuamente, andando a passeggiare, curiosando in ogni dove… Le strade percorse, spesso alternative a quelle principali, mi hanno regalato scenari da urlo. Lungo il percorso mi sono trovata di fronte anche a un piccolo Bamby che camminava tranquillo… e poi praterie sconfinate con erbe di mille sfumature, piante dalle foglie giallissime, caprette e milioni di struzzi.
Mi sono fermata mezza giornata in un baracchino dove dei ragazzi lavoravano il legno: ho acquistato dei braccialetti troppo belli, li adoro! Abbiamo chiacchierato e condiviso emozioni ed esperienze.

 

Karoo - 2008
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: