Da Paphos a Lemesos (copertina)

Da Paphos a Lemesos

la storia…

Da Paphos a Lemesos

 

 

Il programma di questi giorni ha previsto il tragitto che va da Paphos a Lemesos.

Giornatone pienissime e moooolto entusiasmanti. Ho toccato centinaia di paesini, mi sono soffermata in altrettanti templi, castelli, spiagge, moschee. Tra tutti, indelebile nella mia mente rimarrà l’Antica Kourion: sito archeologico davvero affascinante, nel quale è necessario di certo far galoppare la propria fantasia per ricostruire l’insieme ma che, già così, si mostra agli occhi del visitatore in tutta la sua bellezza. Arroccata su un promontorio di fronte al mare, accoglie in sè una basilica paleocristiana, un teatro romano, una villa… il tutto impreziosito da mosaici, colonne e fregi che fanno da cornice a un luogo davvero incantevole.

 

Ho poi raggiunto Choirokoitia, sito tra i più antichi dell’area mediterranea che risale all’età del neolitico e che, dal 1998, fa parte dell’elenco dei siti Patrimonio dell’Umanità. Situato sul pendio di una collina e circondato da mura possenti, dai resti portati alla luce si può desumere che gli abitanti di questo villaggio fossero molto evoluti sia nel campo della caccia che in quello agricolo. Gli edifici qui ritrovati sono molto particolari: costruiti di fango e pietra, avevano pianta circolare e, in particolare, quelli ricostruiti possono dare concretamente l’idea di come fossero gli originali.

 

Giunta a Lemesos (o Limassol), ho passeggiato a lungo nella città vecchia, con il suo quartiere turco, il Castello Medievale, la Moschea e un’ampia zona pedonale tra negozietti e localini di mille tipologie.
Qui ho dormito, un paio di notti, in un ostello surreale. Alla reception c’era un vecchietto, Sergios, con la gobba, un cappuccio marrone sulla testa e la voce rauca, buono, buonissimo. Mi avrebbe donato le chiavi del suo castello se glielo avessi chiesto.
E ho mangiato di tutto. Ho trovato, persino, un ristorantino gestito da locali con la formula All you can eat. Prezzo fisso, tutte specialità cipriote ai tavoli. E’ passato qualche giorno ma ancora non ho capito se sognarmelo per la sua bontà o detestarlo perché non sono riuscita a fermarmi e penso che mi abbia saziata fino al prossimo Natale.

 

Da Paphos a Lemesos - Cipro 2014
Print Friendly, PDF & Email

2 comments

  • ronaldo

    stupendi i mosaici e quelle colonne resti di templi antichissimi…..dovrebbero però, i signori ciprioti, conservare queste vestigie con più cura, ricordando che praticamente vivono di turismo e che in altri paesi, tipo America, avrebbero già messo tutto sotto vetro!!! comunque bellissime foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: