Bicicletta-Angkor

Cambodia – Da Siem Reap a Battambang

DA SIEM REAP A BATTAMBANG

Ho aggiornato questo post separandolo in due parti!

Troverete i contenuti aggiornati ai seguenti link:

 

Angkor

Battambang


 

Sono a Siem Reap da qualche giorno. Ne sono perdutamente innamorata.
Ho noleggiato subito una bicicletta e, in poche ore, la cittadina era già “mia”. E’ piccola, facilmente perlustrabile, la gente è squisita e sempre pronta a darmi indicazioni quando servono. Ci sono mille ristorantini, uno splendido mercato notturno dove non potete capire quanto sia difficile guardare senza acquistare nulla (lo zainetto sulle spalle… è lui a comandare, poche storie!), vari supermercatini in cui comprare e confrontare prezzi e poi Lui… Angkor. Con i suoi millemila templi, per secoli custoditi da una giungla imponente e che io ho pensato di girare, per giorni, sulla mia fidata bicicletta, sfidando il caldo e l’umidità ma appagata da tempistiche più vicine a me, da momenti di estasi assoluta in cui nulla mi avrebbe mossa, dalla possibilità di fermarmi ogni nano-secondo a scattare qualche foto, dall’idea di non inquinare un’area che merita tutte le attenzioni del mondo… e, perché no… dal portafogli rimasto praticamente inviolato. Ho speso 50 cent di dollaro al giorno per il noleggio, direi non male, no?

E’ difficilissimo scegliere quali templi visitare, io che sono la regina della curiosità mi sono massacrata per vederne il numero maggiore possibile. Partivo di notte, alle 4.00 e alle 4.30 ero già con la bocca spalancata in ammirazione di qualche bassorilievo, di qualche scultura, di qualche linga.

Questo slideshow richiede JavaScript.


 

Ho scoperto già il primo giorno che non vale la pena acquistare cibo e bevande nei supermercati di Siem Reap perché, anche all’interno di Angkor, ci sono moltissime bancarelline di ambulanti che vendono varie leccornie a prezzi bassissimi. E l’appagamento di mangiare il bamboo sticky rice caldo di fronte ad Angkor Wat al tramonto, tra il frinire di grilli e cicale… no, non ha eguali.


 

Ho conosciuto anche un ragazzo carinissimo che, solo per divertimento, mi ha accompagnata all’interno di un tempio per mostrarmi curiosità e scorci che, con una passeggiata tranquilla, probabilmente avrei perso. Mi ha anche presentata a un suo amico che produce miele e ne ho assaggiato un bel pò da una bottiglietta di plastica che il ragazzo custodiva sotto la sella del suo motorino. Una bontà. In effetti, alzando gli occhi al cielo e osservando bene molti alberi (inutile dire che ad Angkor si è rapiti dai templi e dai loro mille colori e sfumature… chi ci pensava a dare un’occhiata alle fronde degli alberi?) si potevano scorgere chiaramente decine di alveari giganti.


 

Difficili da descrivere queste giornate… quel che so è che resteranno indelebili nel mio cuore.
Ho optato per raggiungere Battambang via fiume.
Un salto nel tempo, più che nello spazio.
9 ore di barca, 9 ore di villaggi galleggianti, di gente che pesca, di gente che vive e si sposta in barca, di gente che aspetta la barchina della verdura e della frutta per acquistare i dragon fruit (a proposito, ne sono diventata dipendente!!!) o l’ananas, di signore che attendono il passaggio della barchina con il riso, o con la carne.


 

Ho assistito a una scena surreale. Un’immagine che mi ha strappato un sorriso amaro. Un bambino, sì e no di 6 anni, era lo “skipper” di una barca che trasportava altri 15 bimbi (voglio pensare che stessero andando a scuola). Tanta tenerezza, tante parole pensando ai bambini che vediamo a casa nella loro sicura quotidianità.


 

Battambang  è una cittadina molto tranquilla nel suo insieme, con i suoi mercati, i suoi edifici coloniali, le sue stradine impolverate. Ho assistito a un matrimonio. Che meraviglia, che colori.
E ho partecipato a un corso di cucina. Mi sono troppo divertita. Sono andata ad acquistare i prodotti freschi al mercato, così ne ho approfittato per cercare di dare risposta alle mie mille curiosità (anche rispetto a cibi mangiati senza capire realmente cosa fossero… e scoprire, magari, che era meglio non saperlo!); ho cucinato per un pomeriggio intero e, la sera, ho gustato quanto preparato. Amok, spring rolls, manzo lok lak…


 

L’altro giorno ho conosciuto Bun, un ragazzo che parla un po’ di inglese, davvero volonteroso e super entusiasta e gli ho chiesto se fosse possibile trascorrere una giornata con lui. E’ stato a dir poco bellissimo. Con Bun sono prima andata in un grandissimo mercato dove ho fatto colazione con una sorta di pasta di pesce, zenzero e aglio avvolta in foglie di banano e poi tostata. Poi mi ha accompagnata, con il suo tuk tuk, a casa di una signora che, di mestiere, arrotola a mano sigarette (pensate che ne prepara circa 3.000 al giorno e le vende a 50 cent di dollaro in pacchetti da 72… mi stupisco che qui fumi pochissima gente!).


 

Poi è stata la volta di una famiglia che produce, a mano, noodles di riso. Il lavoro richiesto è immane e ho assistito a tutti i passaggi, sapientemente curati dai vari membri della famiglia, nonni inclusi, ognuno con la propria mansione.


 

Bun mi ha insegnato a raccogliere basilico selvatico e lemon grass, molto utilizzato quest’ultimo anche in cucina.
Ho visitato templi, sono andata in un’azienda vinicola (buono lo shiraz, ma il succo fresco di zenzero era davvero da delirio!), mi sono divertita sul Bamboo Train: si tratta, sostanzialmente, di strutture di bambù chiamate khmer norry appoggiate su rulli fatti come bilanceri; il binario è uno solo, quindi se si incontra un altro bamboo train in direzione apposta non si deve far altro che stabilire a chi spetti scendere, smontare e spostare accanto ai binari il proprio treno, lasciar libero il passaggio all’altro treno, rimontare tutto e ripartire. Nel frattempo, mi sono ustionata naso, collo e fronte!


 

Ho chiesto a Bun di portarmi a mangiare un piatto tipico cambogiano, il feto d’anatra. Non odiatemi, ma sapete bene quanto io sia curiosa e debba assaggiare tutte le specialità del luogo in cui mi trovo. Ecco, devo dirlo: è delizioso! Dicono sia come il Viagra perché dona energia e vitalità, in realtà, a parte gli scherzi, lo mangiano davvero in moltissimi, anche a colazione, proprio per affrontare la giornata. E’ come mangiare uovo e pollo contemporaneamente.


 

Le killing cave e i racconti su Pol Pot hanno chiuso le mie giornate a Battambang. Certo, non è facile ascoltare racconti relativi a quanto accaduto da parte di persone del posto, che magari hanno perso parenti e amici. Fino a poco fa mi sembravano cose molto lontane da me, sentite nei vari TG a casa o lette nei libri. Ma quando vedi con i tuoi occhi ossa e scheletri di persone uccise a bastonate dai khmer rossi, tutto acquista una realtà crudele e senza senso, senza risposte, senza un perché.

 

CAMBODIA 02 - Da Siem Reap a Battambang
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: